• Home
  • 4 Strategie progettate per guidare il pensiero metacognitivo

4 Strategie progettate per guidare il pensiero metacognitivo

La metacognizione è definita come pensare al proprio pensiero o apprendimento. Più formalmente, “la metacognizione era originariamente indicata come la conoscenza e la regolazione delle proprie attività cognitive nei processi di apprendimento” (Veenman, Van Hout-Wolters, & Afflerbach, 2006, p.3).

La capacità di pensare a ciò che stiamo imparando, a come stiamo imparando, a ciò che vogliamo imparare in futuro sono competenze importanti che devono essere insegnate esplicitamente nelle aule. Troppo spesso, gli studenti ricevono obiettivi, informazioni, istruzioni e voti senza mai essere chiesto di pensare all’apprendimento.

Insegnare abilità metacognitive che incoraggiano gli studenti a diventare più consapevoli del loro apprendimento può aiutarli a passare da partecipanti passivi a partecipanti attivi in classe. Se l’insegnante è l’unica persona che pensa criticamente agli obiettivi di apprendimento, al progresso, allo sviluppo delle abilità e alla valutazione, questa è un’opportunità mancata. Gli insegnanti devono aiutare gli studenti a diventare agenti attivi in classe che possono prendere decisioni chiave su ciò che imparano e come imparano.

Ecco 4 strategie che gli insegnanti possono utilizzare per incoraggiare gli studenti a pensare al loro apprendimento:

1. Impostazione INTELLIGENTE degli obiettivi

Proprio come gli adulti che sperano di avanzare nella loro carriera, la definizione degli obiettivi è una pratica potente per gli studenti. Detto questo, hanno bisogno di struttura e supporto nell’articolazione di obiettivi specifici, misurabili, raggiungibili, pertinenti e tempestivi. Troppo spesso, gli obiettivi che gli studenti si prefiggono sono troppo generali o troppo alti da raggiungere nel prossimo futuro. Gli studenti che non fissano obiettivi possono mancare di concentrazione o la motivazione a perseverare di fronte alle sfide. Gli studenti che fissano obiettivi irraggiungibili possono scoraggiarsi o frustrarsi.

Iniziare il periodo di valutazione con una sessione INTELLIGENTE di definizione degli obiettivi può aiutare gli studenti a concentrare le loro energie su obiettivi specifici che vogliono raggiungere o lavorare verso-accademicamente, personalmente e/o comportamentale.

bit.ly/SMARTGoalsStudents

2. Biglietto di uscita di fine settimana

I biglietti di uscita sono ottimi per la raccolta di dati di valutazione formativa e il check-in con gli studenti. Gli insegnanti possono anche utilizzare i biglietti di uscita per creare una routine che incoraggia i bambini a pensare a ciò che hanno imparato, come l’hanno imparato, quali domande hanno ancora e come potrebbero insegnare a un pari. I biglietti di uscita di fine settimana possono incoraggiare una pratica rapida e riflessiva fornendo agli insegnanti informazioni preziose su ciò che i loro figli pensano di imparare.

bit.ly/EndWeekExitTicket

3. FlipGrid: Descrivi il tuo processo

FlipGrid è uno di quegli strumenti nell’educazione che possono essere utilizzati per qualsiasi cosa! Gli insegnanti spesso danno agli studenti un compito e chiedono loro di completare tale compito, ma non chiedere agli studenti come sono andati a completarlo.

  • Qual è stato il loro processo?
  • Come hanno pensato al compito?
  • Quali strategie hanno usato per completare l’attività?

Gli insegnanti di matematica possono chiedere agli studenti di spiegare in dettaglio il loro processo per risolvere un problema. Gli insegnanti di inglese possono chiedere agli studenti di spiegare perché hanno selezionato un pezzo di prova testuale per sostenere un reclamo o perché hanno organizzato un pezzo di scrittura in un modo particolare.

Può essere difficile per gli studenti articolare il loro processo e perché hanno preso le decisioni che hanno preso, quindi chiedere loro di registrare una spiegazione di 90 secondi li aiuta a costruire questo vocabolario, sviluppare una pratica metacognitiva e imparare dalle spiegazioni dei loro coetanei.

4. Documenti di autovalutazione in corso

Per ogni unità, identifico specifici standard/competenze target su cui ci concentreremo come classe. Condivido un documento di autovalutazione in corso con i miei studenti tramite Google Classroom. Il documento chiede agli studenti di:

  • Riscrivi gli standard in un linguaggio adatto agli studenti che possono capire.
  • Selezionare i pezzi di lavoro della settimana e riflettere sulle competenze che stanno sviluppando.
  • Valutare dove sono in relazione alla padronanza di competenze specifiche.
  • Fornire documentazione per mostrare il loro lavoro.

bit.ly/OngoingSelfAssess

Ogni settimana dedico del tempo in classe agli studenti per sedersi e riflettere usando questo documento di autovalutazione in corso per pensare al loro apprendimento. Costruire tempo in classe per questa attività è inestimabile perché gli studenti iniziano a collegare il lavoro che stanno facendo con le competenze di cui hanno bisogno per padroneggiare. Li incoraggia anche ad essere sostenitori di se stessi come studenti che articolano ciò di cui hanno bisogno per progredire in relazione a competenze specifiche.

In definitiva, le nostre aule sono un campo di allenamento per la vita. Per avere successo oltre la scuola superiore, gli studenti devono affinare le competenze necessarie per continuare l’apprendimento. Ciò sarà esponenzialmente più facile se gli è stato insegnato come pensare al loro apprendimento e dato tempo per praticare strategie concrete progettate per aiutarli a sviluppare abilità metacognitive.

Leave A Comment