• Home
  • Allora, chi era esattamente Gutenberg?

Allora, chi era esattamente Gutenberg?

D: Per favore ricordami, chi era Gutenberg?
Johannes Gutenberg (nome completo Johannes Gensfleisch zur Laden zum Gutenberg).

D: Era uno stampatore?
No.

D: Era un paroliere?
No, di nuovo.

D: Chi era allora?
Gutenberg era un uomo d’affari, che faceva abbastanza bene a fare specchi, che vedeva la stampa come un mezzo per arricchirsi ancora di più. Un po ‘ come William Caxton.

D: Ora chi è questo Caxton?
William Caxton sarebbe passato dalla diplomazia e dal commercio di tessuti a Bruges per fondare la sua Westminster press 30 anni dopo.

D: Ma una parte della tecnologia non era già disponibile in Cina e in Egitto prima che Gutenberg e Caxton entrassero in scena?
Beh, sì. Ma Gutenberg è il primo europeo a sviluppare un metodo di produzione di massa per la fusione di tipo metallico mobile che potrebbe essere composto in pagine stampabili e riutilizzato in seguito.

D: Gutenberg non ha rubato l’idea?
Hmm. E ‘ dura. La sua macchina da stampa era un semplice adattamento dell’apparecchio che i romani avevano usato per trasformare l’uva in vino e le olive in olio. Il mestiere altamente qualificato di fare i punzoni in acciaio con cui le immagini potevano essere tagliate per l’impressione sulle monete anche datato ai tempi antichi. Il genio di Gutenberg stava nel vedere come questi e altri dispositivi potessero essere combinati in un’invenzione che avrebbe rivoluzionato il mondo.

Q: Vedo in quel caso che cosa è la pressa a vite?
Bene, il tipo di metallo mobile è stato accompagnato dalla creazione di un inchiostro a base di olio per carta o pergamena e dall’adattamento della pressa a vite in una macchina da stampa efficiente.

D: Quando è successo?
Si dice che la prima stampa di Gutenberg fu fondata nella sua città natale di Magonza nel 1440.


Museo Gutenberg a Magonza aperto nel 1962

D: Perché dici, ‘loro’ dicono?
Questo è stato messo in discussione da uno studioso tedesco negli ultimi anni, Strasburgo viene invece nominato.

D: Cosa stai dicendo, amico! Quindi Gutenberg non era l’inventore?
Comportati bene! Smettila di comportarti come Arnab!

D: Quale garanzia di stampa ha stampato Gutenberg?
Era il 1448 a Magonza. Fu lì che produsse il suo primo libro, a Latin primer.

D: Come si chiamava?
La Bibbia di Gutenberg, con pagine a doppia colonna profonde 42 righe.

D: Descrivilo.
La Bibbia di Gutenberg è stata creata in perfetta proporzione, una versione tipografica della sezione aurea che i greci hanno colpito per la prima volta per il Partenone. C’erano 300 di questi punzoni, con ogni lettera incisa in acciaio e ogni tipo gettato da esso, e ogni linea composta da quelle lettere, fatta e impostata con una precisione misurata in centesimi di millimetro.

D: I coreani e gli olandesi non hanno battuto Herr G nella gara di stampa?
Mentre ci sono discussioni sui predecessori coreani e olandesi, il “flusso di lavoro” completo di Gutenberg è stato il vero inizio dell’industria della stampa globale.

D: Quindi, grazie a Gutenberg, stampa diffusione?
Sì! La stampa si diffuse rapidamente in tutta Europa e divenne un fattore di diffusione dell’informazione sia nella Riforma religiosa che nel Rinascimento culturale europeo. I primi stampatori come Christopher Plantin, Aldus Manutius e Claude Garamond, hanno lavorato per migliorare la formattazione dei libri e la leggibilità del tipo.

D: In tal caso, cosa è successo alle copie gotiche di calligrafia nera di Gutenberg?
La “pressa comune” in legno tirata a mano in stile Gutenberg sarebbe rimasta invariata fino all’adozione della ghisa e della meccanizzazione nel 1800.

Q: E Magonza era il centro dell’universo della stampa?
Non proprio. Entro una dozzina di anni dalla morte di Gutenberg, non meno di 122 città in tutta Europa avevano macchine da stampa. E così, l’equilibrio del potere creativo si stava spostando dalla Germania all’Italia, dove il dominio del tipo gotico era finito e Venezia divenne la capitale della stampa del continente.

D: Qui non dovremmo parlare dei geni cinesi che hanno scritto sui chicchi di riso?
Dovremmo ma il metodo di fusione delle lettere è ugualmente kool.

D: In che modo? È fondamentalmente una lega che viene fusa. Giusto?
Hmm. Il laboratorio di Gutenberg inventò una matrice ingegnosa che poteva contenere un vuoto di lettere fatto di metallo temprato, e il piombo a raffreddamento rapido poteva essere versato all’interno per formare una singola lettera.

D: E Gutenberg ha fatto questo assolo?
C’era Johann Fust: un commerciante addestrato in oreficeria, come lo era suo fratello, che a Magonza era anche un orafo e burgermeister (e, capo delle corporazioni di forgiatura dei metalli).

D: Era il compagno di Gutenberg?
No. Gutenberg aveva bisogno di capitali per investire nello sviluppo della sua nuova invenzione, e Johann Fust era disposto, anche prendendo in prestito denaro da prestare all’impresa.

D: Quindi dovrebbe essere chiamata la Bibbia di Fust e Gutenberg?
Anche Peter Schoeffer. E ‘ stato Fust, Gutenberg, e Schoeffer tenue collaborazione che culmina nella Bibbia Gutenberg.


Gutenberg Bible old testament

D: Sta diventando troppo confuso. Chi è questo Peter Fellow, ora?Era uno scriba e un copista di testi. Abbandona il suo lavoro creativo per diventare un apprendista di Gutenberg che era un taskmaster molto duro.

D: Perché così?
Perché il padre adottivo di Peter Schoeffer è … (si prega di trattenere il respiro) … nientemeno che il commerciante-investitore Johann Fust, che aveva bisogno di rinforzi a portata di mano per gestire il mercurial Gutenberg.

D: Ahi. Questo suona come una soap opera di serie TV Balaji.
Sì, le alleanze, tra i tre attori chiave si sono spostate; un velo di segretezza ha pesato pesantemente su tutti.

D: Fulltooo dramma?
Fuori dalla Chiesa stava guardando. All’interno del laboratorio di Mainz c’era… battute d’arresto finanziarie, incursioni, distruzione, tradimenti, e il ripristino senza fine di pagine di pergamena — con grande spesa.

D: E come fai a sapere tutto questo?
Lo sappiamo perché Fust ha citato Gutenberg e i registri di quel processo esistono. Sappiamo che Fust e Schoeffer hanno aperto una famosa tipografia in seguito, e che Schoeffer è diventato uno dei più famosi stampatori di incunaboli.

D: Humara Peter?
Sì. C’è di più.

D: C’è di più?
Sappiamo che Peter Schoeffer sposò la figlia di Fust.

Q: Ma Fust era suo padre?
Sì, kahaani mein twist!

D: Perché Fust ha permesso a sua figlia di sposare il suo figlio adottivo?
Spesso, questo è usato come motivo per spiegare perché Peter ha “tradito” Gutenberg.

D: Peter ha tradito Gutenberg?
Ja. Ja. Le persone erano ben consigliate ad ammirare il talento di Peter e guardarsi le spalle.

D: Qual era il talento di Peter?
Molti talenti. Ma ha introdotto la tipografia e l’artigianato lavorato a mano nel laboratorio.

D: Ancora una volta, chiedo, humara Peter?
Sì!

D: Difficile da immaginare!
Cerca di capire che non c’erano lettere che chiameremmo “minuscole” (un termine derivato in seguito, dall’industria della stampa che questi uomini hanno contribuito a creare). Le piccole letterforms accettiamo oggi come onnipresente per l ” alfabetizzazione occidentale come foglie o erba sono alla natura sono stati derivati da forme onciali scribi sviluppati. Le lettere romane maiuscole sono state prese dalle grandi lettere inscritte dell’antica Roma. Sposarli insieme fu un’invenzione successiva.

D: Descrivimi una scena del laboratorio di Gutenberg.
In questa scena, Gutenberg e Schoeffer tirano un set di prove con un tipo di nuova concezione:

“Fiat imprimere!”il maestro gridò, e tirarono indietro il letto. Peter aprì la cornice di legno. Con attenzione si staccò dal lenzuolo, mentre gli altri tornavano a una distanza rispettosa.

Da quelle parole scaturì una potenza, una forza che nemmeno Pietro aveva immaginato. L’inchiostro era nero come la volta del cielo, le lettere nitide e avvincenti. Tessevano in un traliccio proprio come diceva Plinio tutte le linee devono fare, per tenere il significato del testo come fili tra le viti. La Parola è come un frutto, pensò; la vigna del testo è fittamente attorcigliata. Ha iniziato, trafitto. Nella loro austerità e densità, le lettere hanno fatto una pagina di straordinaria bellezza. Le sue lettere — le sue! – le stesse linee che aveva disegnato e scolpito, ora giacevano orgogliosamente, neramente, facendo parole sulla pagina. Sentì il suo interno accelerare con il brivido di esso — e poi una sorta di caduta.

Gutenberg stava saltando abbastanza dietro di lui. Pietro sentì la sua energia e il suo desiderio, e con la coda dell’occhio lo vide raggiungere. Pietro gli tenne la pagina, con le dita che sfioravano il morso profondo delle parole che aveva preso in essa.

“Per Dio!”Il volto del maestro era aperto, ammorbidito, ogni traccia di nitidezza sparita. “Uno scriba, il mio occhio! Un maledetto genio della scultura, più o meno! Da qui in poi scolpisci i miei tipi.”

POSTSCRIPT

Allora, qual è la Galassia Gutenberg?

La galassia Gutenberg è una raccolta di casi di studio nella pubblicità stampata. Ashish Bhasin, presidente e CEO di Dentsu Aegis Network, South Asia lo ha lanciato esattamente un anno fa a Mumbai nel febbraio 2018.

Chi è Ashish Bhasin? E ‘ imparentato con Gutenberg?

No. Bhasin è il presidente del Media Research Users Council che mette in evidenza l’IRS, che è il più grande sondaggio di lettori al mondo. Durante il lancio Ashish Bhasin ” ha esortato i proprietari dei supporti di stampa a giocare alla loro forza e non alla debolezza. Ha detto stampa era il mezzo più credibile e sarebbe venuto fuori più forte una volta che la polvere si deposita.

Tutto ciò che va bene, ma i numeri si sommano?

Lanciando alcuni numeri per rafforzare il caso, da qui al 2025, 300 milioni di potenziali lettori entrerebbero nell’ovile. E il nostro calcolo indica che i prossimi sette anni vedranno un collegio elettorale di stampa nelle città di secondo, terzo e quarto livello dell’India. Tutto grazie a tre signori. Gutenberg, Fust e Schoeffer.

Leave A Comment