• Home
  • Diversi tipi di sussidi agricoli concessi agli agricoltori in India

Diversi tipi di sussidi agricoli concessi agli agricoltori in India

L’introduzione del programma di sementi ad alto rendimento (HYV) negli anni ‘ 60 richiedeva un’alta priorità alla fornitura di acqua di irrigazione e fertilizzanti agli agricoltori, il governo ha cercato di garantire che fossero accessibili e convenienti. La sovvenzione per i concimi è fornita dal governo centrale, mentre la sovvenzione per l’acqua è fornita dai governi statali. Il governo fornisce diversi tipi di sussidi agli agricoltori come fertilizzanti, irrigazione, attrezzature, sussidi di credito,sussidi per le sementi, sussidi per l’esportazione ecc. Corrente disegno di legge di sovvenzione del governo si attesta a 2, 60, 128 cr. in 2013-14 che era 2, 39,551 cr. nel 2012-13.

Jagranjosh

Tipi di Agricoltura Sovvenzione in India

  • Fertilizzante sovvenzione
  • Potenza sovvenzione
  • Attrezzature Agricole sovvenzione
  • Irrigazione sovvenzione
  • Sementi di sovvenzioni
  • sovvenzioni all’Esportazione
  • sovvenzione di Credito
  • infrastrutture Agricole sovvenzione

Tutti questi contributi sono discussi di seguito:

Fertilizzante Sussidio: Erogazione di mercato chimica o non chimica, fertilizzanti tra gli agricoltori. Equivale alla differenza tra il prezzo pagato al produttore di fertilizzanti (nazionali o esteri) e il prezzo, ricevuto dagli agricoltori, il resto dell’onere è a carico del governo. Questa sovvenzione garantisce:

i) Input economici per gli agricoltori,

ii) Ritorni ragionevoli per il produttore,

iii) Stabilità dei prezzi dei fertilizzanti e

iv) Disponibilità di fertilizzanti per gli agricoltori in quantità adeguata al fabbisogno.

In alcuni casi questo tipo di sovvenzioni è concesso attraverso l’abolizione della tariffa sull’importazione di fertilizzanti, che altrimenti sarebbe stata imposta.

Sovvenzione elettrica: le sovvenzioni per l’elettricità implicano che il governo addebiti tariffe basse per l’elettricità fornita agli agricoltori. Il potere soprattutto è usato dagli agricoltori per gli obiettivi di irrigazione. È la differenza tra il costo della produzione e della distribuzione di energia elettrica agli agricoltori e il prezzo ricevuto dagli agricoltori. Le schede elettriche statali (SEBs) generano l’energia da soli o la acquistano da altri produttori come NTPC e NHPC. La sovvenzione di potere ” funge da incentivo agli agricoltori per investire in insiemi di pompaggio, foro-pozzi, pozzi del tubo ecc. Sussidio di irrigazioni: sotto questo ombrello il governo fornisce le facilità di irrigazione ai tassi più economici come confronta ai tassi dei mercati. È la differenza tra i costi operativi e di manutenzione delle infrastrutture di irrigazione nello stato e gli oneri di irrigazione recuperati dagli agricoltori. Questo può funzionare attraverso disposizioni di beni pubblici come canali, dighe, pozzi tubo ecc. che il governo costruisce e addebita prezzi bassi o nessun prezzo (in casi speciali)per il loro uso dagli agricoltori. Può anche essere attraverso attrezzature di irrigazione privata a basso costo come set di pompaggio.

Sussidio di semi: i semi ad alto rendimento possono essere forniti dal governo a prezzi bassi e alle future opzioni di pagamento. Le attività di ricerca e sviluppo necessarie per produrre tali sementi produttive sono intraprese anche dal governo, la spesa per queste è una sorta di sovvenzione concessa agli agricoltori.

Sovvenzione all’esportazione: questa sovvenzione è data agli agricoltori per affrontare il completamento internazionale. Quando un agricoltore o esportatore vende prodotti agricoli nel mercato estero, guadagna soldi per se stesso, così come valuta estera per il paese. Pertanto, le esportazioni agricole sono generalmente incoraggiate purché non danneggino l’economia nazionale. I sussidi forniti per incoraggiare le esportazioni sono indicati come sovvenzioni all’esportazione.

Sovvenzione del credito: è la differenza tra gli interessi addebitati agli agricoltori e il costo effettivo della fornitura di credito, più altri costi come le svalutazioni dei crediti inesigibili. La disponibilità di credito è un grave problema per gli agricoltori poveri. Non hanno denaro sufficiente per l’acquisto di attrezzature agricole e non possono avvicinarsi al mercato del credito perché non hanno la garanzia necessaria per i prestiti. Per svolgere attività produttive si avvicinano ai finanziatori locali. Approfittando dell’impotenza dei poveri agricoltori, i finanziatori fanno pagare tassi di interesse molto alti. Molte volte anche gli agricoltori che hanno alcune garanzie non possono usufruire di prestiti perché gli istituti bancari sono principalmente urbani e molte volte non indulgono in operazioni di credito agricolo, che è considerato rischioso. Per affrontare questi problemi il governo ha fornito le seguenti disposizioni:

(1) Più operazioni bancarie nelle zone rurali-che anticiperanno i prestiti agricoli, e

(2) I tassi di interesse possono essere mantenuti bassi attraverso regimi di sovvenzioni, e

(3) Le condizioni di credito (come i requisiti di garanzia) possono essere allentate per i poveri.

Sovvenzioni alle infrastrutture agricole: gli sforzi privati in molte aree non si dimostrano sufficienti per migliorare la produzione agricola. Buone strade, impianti di stoccaggio, potenza, informazioni sul mercato,trasporto ai porti, ecc. sono vitali per le operazioni di produzione e vendita. Queste strutture sono nel dominio dei beni pubblici, i cui costi sono enormi e i cui benefici maturano a tutti i coltivatori di un’area. Nessun singolo agricoltore si farà avanti per fornire queste strutture a causa della loro voluminosità e dei problemi inerenti alla riscossione delle entrate (nessuno può essere escluso dal suo beneficio a causa del mancato pagamento). Pertanto il governo si assume la responsabilità di fornire questi e data la condizione degli agricoltori indiani un prezzo più basso può essere addebitato agli agricoltori più poveri.

Leave A Comment